Nel bar di Maria e Vezio

“Per me il bar è stata una palestra di vita rivoluzionaria. Non mi sarei mai aspettata di fare la barista: un’esperienza splendida che mi porto dentro. Spesso quando vado in un locale di cui conosco i proprietari, mi viene naturale chiedere “ma posso fare un caffè?”. E’ stato importante per me lavorare con Vezio, perché si discuteva, ma c’era una complicità unica anche nel riconoscere le varie tipologie di clienti e quindi di donne e uomini. Ho imparato molto e lo rifarei per cento volte.” Continua a leggere “Nel bar di Maria e Vezio”

Comunque scrivere

Scrivere a Pesaro”, un collettivo si sarebbe detto negli anni passati, ora un gruppo su facebook che però vuole essere anche reale. Da venti, a trenta, ora siamo 78 componenti: denominatore comune la scrittura, l’amore per le parole e la loro democratica diffusione. C’è chi non ha mai pubblicato nulla, ma lavora nell’editoria o nel settore della comunicazione, ci sono i preziosi librai della città e poi, i folli scrittori. In regia, l’eclettico Paolo Pagnini. Ieri il primo incontro pubblico: un racconto, senza genere, che continua.
Continua a leggere “Comunque scrivere”

Sofia e Paola sulla strada del mandarino

“The Tangerine Road richiama l’antica rotta medievale della Via della Seta, attraverso cui nell’antichità si scambiavano thè, sete, spezie, tappeti e soprattutto cultura, conoscenza, usi e costumi di popoli così diversi e lontani. Esprime proprio l’idea del viaggio, del racconto: rappresenta la nostra avventura dall’Europa in Cina, avide di conoscenza.” Continua a leggere “Sofia e Paola sulla strada del mandarino”

Alessandro fa cantare e suonare San Basilio

“Sono nato, cresciuto e vivo a San Basilio. Ho fatto tutte le scuole qui. Io promuovo il bene che c’è, consapevole del male che vedo dal balcone, dalla macchina, a piedi. E’ una lotta continua. Ci sono risorse incredibili: qui soni nati artisti, scrittori, sportivi. Si ha voglia di fare cultura perché si vuole fare emergere ciò che ci circonda di positivo.”
Continua a leggere “Alessandro fa cantare e suonare San Basilio”

Dalla parte di Sabrina

Ho perso da qualche anno la certezza di un’appartenenza politica forte e sincera, non ho dubbi, però, su coloro che non avranno mai il mio appoggio: razzisti, populisti, incompetenti manifesti. Sono, invece, sicura che starò sempre con chi si impegna, lavora e lotta per il rispetto dei diritti. Quindi mi va di ribadire e di scrivere che sono dalla parte di Sabrina Alfonsi. La presidente del I municipio di Roma, il cuore della storia del mondo, concentrato nello spazio di due città medie di provincia, è un’amministratrice competente, seria e anche appassionata. Quando decide di portare avanti una battaglia non guarda in faccia a critiche o, peggio, a minacce, prosegue: lascia le sue tracce di buon cammino, a testa alta e con i piedi bene a terra. Continua a leggere “Dalla parte di Sabrina”

Blog su WordPress.com.

Su ↑